cucina italiana di casa  salva tra i preferiti cocina italiana en casa italian cuisine at home sito in francese

ricette di cucina
italiana tradizionale

ricette ipocaloriche, leggere

occasioni speciali

le videoricette di cucina italiana di casa

ricette economiche e veloci

primi piatti con il pesce
cucina italiana di casa:
guida alla navigazione
stuzzichini
antipasti
primi piatti: pasta
primi piatti: riso
zuppe e minestre
secondi piatti
secondi di pesce
ricette secondi piatti carne
piatti unici
dolci
sorbetti
bevande
basi
conserve
pane
panini
 pizza ricette
ricette di cucina
regionale
Inserisci una parola di quello che cerchi nel box qui sotto: troverai la tua ricetta nel sito di cucina italiana di casa

tavole di sintesi

ricerca per ingrediente
in ordine alfabetico

ricette Artusi - la scienza in cucina
e l'arte di mangiar bene

 le insalate 

le ricette dello chef

ricette ipocaloriche

ricette di pesce
indice alfabetico
delle ricette di pesce

ricette vegetariane

ricette con agnello,
pecora,castrato

ricette con il pollo

ricette con carne bovina

ricette con carne suina

 ricette senza glutine

piatti freddi

Torte e sfogliatine salate, piadina,
panzerotti e pizza, focacce

ricette con il tartufo

ricette con i funghi

ricette per fare e
condire la polenta

ricette per la cacciagione

gli approfondimenti

conoscere il pesce di mare

conoscere mitili e molluschi

conoscere i cefalopodi

conoscere i crostacei

conoscere il pesce di acqua dolce

conoscere le carni

conoscere i funghi

le verdure: ricette

conoscere  i formaggi

la pasta

il riso

MINI DIZIONARIO: LE AZIONI

MINI DIZIONARIO: LE COTTURE

ricette di cucina fusion

cucina fusion e

ricette dal mondo

i nostri menù

il pranzo della domenica
occasioni speciali
menù a tema
pranzo della domenica: tutti  menù passo passo

suggeriti

ristoranti amici

hotel amici
le aziende e i prodotti

Cucina italiana
facebook


Cucina Italiana di Casa
on Google+

mai di cucina italiana di casa

desideri una ricetta in particolare? scrivici

RICETTE  DI CUCINA ITALIANA E RICETTE DAL MONDO, IN PIU' CUCINA CREATIVA E FUSION TUTTE FOTOGRAFATE

 uk

italian cuisine at home

es

cocina italiana en casa

fr

la cuisine italienne chez toi

Ricetta fotografata: migliaccio, dolce della tradizione contadina romagnola

migliaccio: ingredienti migliaccio

Il migliaccio, è un dolce invernale, tipico della tradizione contadina,che merita di essere provato e conservato per molte ragioni: la prima, ovviamente è che è buono. Ma questa ricetta antica ha anche un altro grande pregio: è un eccellente ricostituente. La sua ricetta è infatti molto ricca di ferro e di calcio. Un ricostituente che è anche una merenda golosa può mettere d'accordo mamme e ragazzi.... Un terzo pregio è che è facile da preparare, e non riserva mai sgradevoli migliacciosorprese. il quarto pregio è che si conserva molto a lungo, anche mesi, se tenuto al fresco. Infine in origine, aveva il gran merito di costare poco o nulla. Oggi, purtroppo, non è più così, almeno per i molti di noi che non hanno una fattoria... . La ricetta che vi propongo io è quella romagnola, ma con alcune varianti lo ritroviamo in Campania ed in molte altre regioni italiane. Le dosi, che sono considerevoli, consideratele parte integrante dell'essenza del migliaccio: una ricetta contadina, per un dolce da condividere durante la festa di carnevale.

Leggi la storia del migliaccio
ricette di dolci vedi tutte le ricette di dolci

 tortevedi tutte le torte

cucina regionale italiana: le ricette della tradizione regione per regione, con foto emilia romagnaricette di cucina tradizionale della regione Emilia Romagna

carnevale:vedi la pagina del carnevale:carnevale:

 ricette di piatti tipici e curiosità sulla festa più allegra dell'anno

la carne di maiale vedi altre ricette con la carne di maiale

 

Ingrediente basesangue di maiale
Indicazioni nutrizionaliricetta ipercalorica
 tipologiacucina tradizionale 
conservazionepossibile
 stagioneinverno
difficoltàbassa, facile

TempiTempi

in tavola           in tavola  6 ore (minimo)
cottura cottura   10 + 45  minuti 

 lavoro        lavoro

30 minuti    
riposo riposo 3 ore   (minimo)

vinovino consigliato: bianco secco

 ingredienti PER 20 PERSONE
latte3 litri
uova6
limoni3
arance3
cannella1 pizzico
vanillina3 fiale o bustine
cacao in polvere250 grammi
cioccolato fondente250 grammi
marsala400 cc
sangue di maiale200 cc
saba400 cc
canditi200 grammi
zucchero600 grammi
farina450 grammi
pane grattugiato300 grammi

per la pasta di base

farina500 grammi
acqua300 cc circa

 

Preparazione: vai alla ricetta fotografata passo a passo

ricetta fotografata: link

  Note alla ricetta: La ragione della grande diffusione di questo dolce è legata al suo ingrediente "segreto": il sangue di maiale. Vi prego non fate quella faccia! Che del maiale non si butti via niente è cosa ben nota, e che il sangue sia un alimento molto nutriente è altrettanto risaputo. Se guardate la composizione di molti ricostituenti (ed anche fertilizzanti) troverete il sangue animale come ingrediente di base, è quindi logico che la tradizione contadina approfitti di questa risorsa, di poco prezzo e molto valore. Mi piace poi pensare che sia l'amore materno che ha creato un piatto gustoso, per trasformare il pranzo in una festa. Ovviamente il fatto che sia un dolce invernale è sempre legato al nostro maiale, che si è sempre ammazzato in inverno, sia per poter conservare le carni al fresco (i frigoriferi sono una invenzione recente), sia per avere cibo nutriente fino alla primavera. Ecco perché con il tempo il migliaccio è diventato uno dei dolci tipici del carnevalemigliaccio

La storia di questo dolce è poco codificata, come spesso succede nelle ricette popolari, ma possiamo immaginare che abbia una origine molto antica, e che si sia poi evoluta nel tempo, migliorando il suo sapore con i nuovi ingredienti disponibili, prima lo zucchero, e gli agrumi, poi la cannella e da ultimo il cioccolato. Tutti ingredienti che non sono di origine italiana, ma che la nostra cucina ha "adottato" nel corso dei secoli, modificando pietanze già note, come nel caso del migliaccio, o creandone di nuove.

Come tutte le ricette di casa anche questa ha infinite varianti, per adattarsi al gusto della famiglia, e sinceramente trovo magnifico che sia così: la cucina è creatività e libertà. Un esempio delle varianti che ho confrontato è la presenza più o meno invadente del pane: la farina una volta era preziosa, quindi si preferiva usare il pane raffermo e grattugiato, dove era possibile. La quantità di zucchero e di saba dipendono dal gusto e dal portafoglio, così come i canditi e gli aromi.

La mia fonte primaria per questa ricetta è la famiglia Rivalta, che questo dolce lo prepara da generazioni, e che mi ha gentilmente procurato l'ormai raro sangue di maiale, ed una magnifica saba fatta in casa, ed a cui vanno, come sempre, i miei ringraziamenti.

<< torna alla home page